PROFILI DI RESPONSABILITA’ DELL’ESPERTO NOMINATO NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE NELLA LETTURA OFFERTA DAL TRIB. DI PISA

PROFILI DI RESPONSABILITA’ DELL’ESPERTO NOMINATO NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE NELLA LETTURA OFFERTA DAL TRIB. DI PISA

nota a sentenza del Tribunale di Pisa del 1.07.2016, n.885 a cura dell’ Avv. Stefano Puccinelli

Anche il Tribunale di Pisa, con la sentenza in commento, di seguito allegata, si conforma all’insegnamento fatto proprio dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2359 del 2 febbraio del 2010, già richiamato e qui consultabile, confermando la possibilità di configurare una responsabilità in capo all’esperto nominato all’interno di una procedura esecutiva immobiliare che, nell’esecuzione del proprio incarico, abbia errato nella rilevazione della consistenza metrica dell’immobile.

Invero, anche il Giudice territoriale, ricorrendo detta ipotesi, ha affermato come sussista un diritto dell’aggiudicatario ad essere risarcito del danno patrimoniale connesso al maggior prezzo pagato, che non sarebbe stato corrisposto se non si fosse verificata la condotta colposa del consulente.

In particolare la pronuncia in esame si segnala per meglio chiarire i presupposti in forza dei quali possa essere affermato un siffatto diritto, prevedendo come ciò sia possibile quando l’errore dell’esperto abbia avuto incidenza  sulla determinazione del prezzo base da parte del giudice e sull’acquisto da parte degli aggiudicatari in base a un determinato prezzo.

Trib. Pisa, sentenza 885_2016